wondervaly

Due chiacchiere con… Wondervaly

Oggi facciamo due chiacchiere con Valentina Barrile, in arte Wondervaly: grafica e illustratrice che si occupa principalmente di brand identity e wedding suite.

Ho scelto di intervistarla perché la sua storia mi piace un sacco: ha mollato tutto per cercare la versione migliore di se stessa ed è riuscita a trovarla e a realizzare il suo sogno.

Conosciamola meglio.

Ti va di raccontarci meglio chi sei?

Mi piace presentarmi come Valy, meno formale e che dice già molto su come sono fatta, ma sono Valentina, sul web Wondervaly.

Mi occupo di grafica e illustrazione. Lavoro spesso con piccoli imprenditori e aziende curando la loro identità visiva. Una grande parte creativa la dedico anche ad illustrazioni e grafiche per privati ed eventi vari, come matrimoni, comunioni etc.

Di fatto sono come mi si vede su Instagram, amo far coesistere nella mia vita creatività e spiritualità, ecco perché ogni giorno condivido una parte di momenti lavorativi e personali, perché ho la speranza di poter trasmettere sensazioni positive e che siano d’ispirazione.

Quando e come hai iniziato a fare questo lavoro?

Ho iniziato ormai 4 anni fa, quando mi ritrovai in un periodo molto difficile della mia vita.

Mi sentivo persa e iniziai a mettere in discussione tutto, ma il punto fermo più grande che ricorreva quotidianamente nelle mie giornate era proprio la grafica. Così decisi di fare la follia: abbandonare un lavoro a tempo indeterminato e seguire il cuore dedicandomi a qualcosa che amavo veramente.

Il mio percorso iniziò ufficialmente in quel periodo quando iniziai a collaborare con una cooperativa come grafica. Ciò mi dava l’opportunità di gestirmi da me l’attività per poi  spostarmi e fare il grande passo: decidere di mettermi in partita iva e diventare a tutti gli effetti autonoma.

Hai trovato delle difficoltà nel tuo percorso lavorativo?

Ooh si! Tante difficoltà, ma di quelle che ti fanno male all’inizio e che alla fine ti rendono più forte.

Tante altre nate da me stessa, paure e ansie annesse. Ma mi sono sempre ripetuta che nessun sogno si raggiunge senza una strada in salita. E anzi, una volta che l’avrai percorsa capirai che le paure non finiscono mai, perché cambi tu nel frattempo, cambia il tuo modo di viverle e capisci di poterle affrontare, a testa alta.

Quindi, sì, difficoltà sì, ma tutto sempre superabile.

Dato che sei una persona molto creativa, come stai impiegando il tuo tempo in quarantena?

Diciamo che una mia giornata tipo è scandita da tanti piccoli rituali.

Sveglia al mattino presto e meditazione. Mi dedico ai lavori in corso per gran parte della giornata e da quando è iniziata la quarantena è nata per caso l’idea dei WonderTips. Cosa sono? Sono dei pomeriggi creativi e di ispirazione ogni giorno nelle stories su Instagram, in cui condivido tutto quello che so sulla creatività e sulla grafica. Ma anche sprazzi delle mie passioni, come la lettura, la pittura e tanto altro.

È nato così, per caso, ho iniziato a condividere per una settimana questi momenti e con mia grande sorpresa ho ricevuto un riscontro immenso e gioioso da parte di chi si trovava dall’altra parte dello schermo.

Le persone mi dicevano che in quei pomeriggi li aiutavo a distrarsi dal momento difficile che stiamo vivendo. Mi dicevano che riuscivo ad ispirarli e motivarli nonostante la quarantena fosse pesante. E questo è stato importantissimo per me, così ho deciso di continuare a farlo e continuo ogni giorno!

Stai attraversando uno dei momenti più belli per una donna: la gravidanza. Il periodo storico non è proprio dei migliori e tante donne stanno vivendo questo momento con qualche difficoltà. Ti va di dirci come lo stai affrontando tu e se puoi dare qualche consiglio alle neomamme?

È vero, c’è giustamente molta preoccupazione a riguardo.

Io stessa lo ero all’inizio, ma ora mi sento molto più tranquilla, anche se l’orecchio rimane sempre attento a tutte le notizie che riguardano il momento. Devo dire che due cose mi hanno aiutata moltissimo, la prima è stata sicuramente quella di distrarmi e di dedicarmi alla cameretta, al preparare il tutto per il grande giorno.

Ho disegnato e stampato dei quadretti decorativi che nelle prossime settimane appenderò nella cameretta e cose di questo tipo.

Un’altra cosa che mi ha aiutata e mi aiuta ancora adesso è stata la visualizzazione e la meditazione. Ripetermi frasi positive di come vorrei fosse il mio parto e concentrarmi sul fatto che andrà tutto bene. Visualizzarmi in un contesto molto protetto, anche se delicato per la situazione che stiamo vivendo.

Un consiglio per le neomamme è proprio questo, concentrarsi sull’arrivo del piccolo, stilare liste di cose da fare per quando tutto questo sarà finito e visualizzarsi in un contesto sereno quanto più possibile e super protetto.

Come sono cambiate le tue abitudini “Tettologiche” da quando sei in gravidanza? Stai utilizzando dei reggiseni adatti?

Devo dire che sono cambiate moltissimo.

Inizialmente ho utilizzato i miei vecchi reggiseni, almeno fino a che ho potuto, ma col tempo hanno iniziato a stringermi e crearmi non solo fastidi, ma anche brutti segni sulla pelle.

Al momento sto usando dei reggiseni morbidi proprio perché il mio corpo si è adattato a vista d’occhio alla nuova vita dentro di me, mentre invece in valigia ho già preparato reggiseni da allattamento.

Per quanto riguarda i costumi da bagno, hai un modello o una tonalità di colore che preferisci indossare oppure ti diverti a cambiare?

Adoro utilizzare costumi da bagno colorati, azzurri o rossi sono i miei preferiti, ma anche lì ho spesso difficoltà a trovarli.

Tendo ad utilizzare modelli in cui mi sento comoda, prediligo infatti i costumi interi o sportivi, e pochissimi bikini. Una mia combinazione preferita sono i costumi interi abbinati a dei pantaloncini.

wondervaly

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Gran bella domanda! A livello lavorativo il mio progetto è quello di concludere il mio corso online Photoshop power e poter continuare a vivere la creatività come ho fatto fin’ora, sperando di poterla trasmettere a quanta più gente possibile.

A livello personale il mio progetto è quello di prendermi a breve un periodo di pausa per l’arrivo della piccola vita in arrivo e poter godere di ogni momento insieme, ma anche di scoprirmi in questa esperienza che è nuovissima anche per me.

Grazie di cuore per questa intervista! È stato un piacere!

Ti è piaciuta la storia di Valy? Quanto saresti disposta a rischiare tu per inseguire i tuoi sogni? Se ti va puoi seguire Valy su instagram oppure visitare il suo sito internet.

Se invece vuoi dei consigli tettologici commenta il post, dai un’occhiata al blog o scrivimi su Instagram!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *